Stragi Capaci e via D'Amelio: a processo quale mandante anche Messina Denaro

Stragi Capaci e via D’Amelio: a processo quale mandante anche Messina Denaro

messina-denaro -Redazione- I pm di Caltanissetta hanno chiesto di rinvio a giudizio del boss mafioso Matteo Messina Denaro in quanto considerato uno dei mandanti delle stragi siciliane del di Capaci e Via D’Amelio.

L’udienza preliminare è stata fissata per il prossimo 22 dicembre. La richiesta di rinvio a giudizio è stata notificata alla madre del mafioso a Castelvetrano (Tp).

Arriva dunque al capolinea l’inchiesta sul presunto ruolo del latitante negli omicidi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

L’ordinanza di custodia cautelare per Messina Denaro era stata emessa dal gip di Caltanissetta nel gennaio scorso.

Per il procuratore capo di Caltanissetta Amedeo Bertone, i sostituti Lia Sava e Gabriele Paci e il pm Stefano Luciani, Messina Denaro fu tra i componenti della cupola mafiosa che decisero la morte di Falcone e Borsellino, uccisi negli attentati di Capaci il 23 maggio ’92, e in via D’Amelio il 19 luglio ’92, insieme agli agenti delle scorte.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *