I Rolex arabi imbarazzano la ministra Pinotti

I Rolex arabi imbarazzano la ministra Pinotti

rolex-Redazione– Tornano ad imbarazzare ilo governo i Rolex arabi di cui si era persa traccia.

E spunta il nome della ministra Roberta Pinotti.

La bomba la fa scoppiare Dagospia, scrivendo che avrebbe «benedetto» la più grossa commessa di Finmeccanica nella storia, un accordo con il Kuwait da 8 miliardi, e dopo la firma avrebbe ricevuto due «importanti» gioielli in regalo, ufficialmente per le figlie, oltre a un orologio Rolex in oro bianco, tempestato di brillantini per lei.

Costosi ringraziamenti da parte dell’emirato arabo per il suo ruolo nella vendita di 28 caccia Eurofighter.

La Difesa dirama una smentita asserendo che le indiscrezioni sarebbero «da considerare prive di qualsiasi fondamento le notizie apparse oggi su un sito web e riprese incautamente da altri».

Il ministro Pinotti, continua il comunicato, «ha sempre seguito le prescrizioni contenute nel Dpcm del 20.12.2007 riguardo i cosiddetti doni di rappresentanza».

Cioè:«ove ne ricorrono le condizioni detti doni vengono quindi presi in consegna e custoditi dall’amministrazione Difesa».

Dagospia insinua il dubbio che le cose stavolta non siano andate così.

Che la Pinotti abbia «mantenuto il segreto» con tutti.

Il Rolex descritto potrebbe essere l’Oyster Perpetual Datejust 3, da donna, in oro bianco con diamanti, e zaffiri a comporre il numero romano 6 e un valore di oltre 43mila euro.

Il sito scrive che forse per evitare una fuga di notizie sulla delicata questione «tutta la scorta della Pinotti ha ricevuto encomi solenni», mentre «di solito vengono conferiti a fine mandato per conquistare il silenzio dei bodyguard sulle attività private del ministro».

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *