Referendum. Ricorso sul voto all'estero se vincerà il Sì

Referendum. Ricorso sul voto all’estero se vincerà il Sì

referendum-Redazione- “Nel voto degli italiani all’estero, non è garantito il requisito della segretezza e se il voto degli italiani all’estero fosse decisivo ai fini del risultato e determinasse la vittoria del Sì al referendum del 4 dicembre, potremmo decidere di impugnare il risultato“. Lo ha detto il presidente del comitato del No, Alessandro Pace, parlando ai giornalisti della Stampa estera in Italia. Come stabilisce la Costituzione, l’esercizio del voto, ha ricordato il giurista, deve essere “personale, libero e segreto”, requisiti che non sono garantiti dal meccanismo di voto adottato per le circoscrizioni estere.

“Quelli del No dicono che se perdono faranno ricorso, noi non faremo ricorsi e controricorsi, faremo una battaglia con il sorriso e parliamo del merito. Il tentativo è di buttarla in rissa, la nostra reazione è calma e gesso, sorrisi e tranquillità”.

Questa la risposta del premier Matteo Renzi, a Piombino per una iniziativa per il sì al referendum.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *