Poliziotto Usa spara alla schiena e uccide un ragazzo afroamericano disarmato

Poliziotto Usa spara alla schiena e uccide un ragazzo afroamericano disarmato

polizia-Redazione– La fuga di un presunto ladro di auto, l’inseguimento del poliziotto insieme ai colleghi, l’ordine con cui si intima l’alt e i colpi di pistola ripetuti, fatali.

Poi l’immagine dell’inseguito, un afroamericano di 18 anni, Paul O’Neal, immobile sul selciato, senza vita.

Anche lui colpito ripetutamente dalle pistole automatiche delle forze dell’ordine. E anche questa volta, come accaduto in passato, il tutto viene ripreso da una minicamera, una di quelle «body camera» indossate dai poliziotti in servizio.

L’episodio è avvenuto a Chicago e risale allo scorso 28 luglio ma il video choc è stato pubblicato ieri dal Dipartimento della polizia della città dell’Illinois. Sharon Fairley, capo del consiglio di sorveglianza della polizia di Chicago, ha definito le immagini «scioccanti e preoccupanti».

L’agente che ha esploso il proiettile fatale, riporta la Cnn, era in un’auto colpita dalla vettura su cui si trovava O’Neal, una Jaguar il cui furto era stato denunciato nel corso della giornata nel sobborgo di Bolingbrook.

I poliziotti hanno inseguito il ragazzo sparando alcuni colpi verso la vettura, che poi si è scontrata contro un’altra gazzella del Dipartimento. Quindi O’Neal è scappato a piedi seguito a distanza ravvicinata dagli agenti fino a dietro il cancello del retro di una casa: è qui lo ha raggiunto il proiettile letale.

Il colpo fatale non viene mostrato direttamente, ma dall’audio si sente il suono dei proiettili esplosi. «Quel video è la cosa più orribile che abbia mai visto», commenta l’avvocato della famiglia O’Neal, Michael Oppenheimer, parlando di una vera e propria «esecuzione».




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *