Piazza San Carlo. Il salotto di Torino e la Sacra Sindone

Piazza San Carlo. Il salotto di Torino e la Sacra Sindone

piazza san carlo-Redazione- Piazza San Carlo è uno dei luoghi più noti di Torino, sia tra chi vive in città sia tra i sempre più numerosi turisti provenienti da tutto il mondo.

Il salotto di Torino, con il Caval ‘d brons, i portici eleganti: il suo nome è legato alla storia della Sacra Sindone.

Era il 1578: da quindici anni Emanuele Filiberto di Savoia detto Testa ‘d Fer ha trasferito la capitale del Ducato di Savoia da Chambery a Torino. Tutta la corte si è ormai spostata nella nostra città, ma manca ancora un simbolo molto importante del prestigio sabaudo: la Sacra Sindone, che i duchi di Savoia hanno acquistato nel 1453 da Margherita di Charny.

Nel dicembre 1532 ci fu poi l’incendio nella cappella di Chambery, che rischiò di bruciare per sempre la santa reliquia più venerata al mondo. Tre anni dopo il duca Carlo III  entra in guerra con i francesi, portando con sé la Sindone che negli anni passa per Nizza, Vercelli e anche Torino, prima di tornare a Chambery nel 1560 per decisione di Emanuele Filiberto.

Nel trasloco verso la nostra città, il Testa di Ferro vuole quindi portarsi anche la Sindone: l’occasione gli si presenta appunto nel 1578. Dopo un’epidemia di peste durata anni, l’arcivescovo di Milano Carlo Borromeo vuole sciogliere il voto fatto durante il contagio e recarsi a piedi in pellegrinaggio verso la Sindone

Emanuele Filiberto decide quindi di abbreviare il viaggio dell’arcivescovo milanese, facendo portare la Sindone a Torino.

Dopo il pellegrinaggio di San Carlo  Borromeo, la Sindone non è più tornata a Chambery, divenendo uno dei simboli più prestigiosi del patrimonio di Torino.

Piazza San Carlo, all’epoca fuori dalle mura cittadine, era ben diversa da come appare oggi: nel 1618 fu intitolata a Carlo Borromeo, e nel 1619 furono iniziati i lavori della chiesa di San Carlo (la “gemella” di Santa Cristina), mentre la piazza nel suo aspetto giunto fino a noi fu progettata da un altro omonimo, Carlo di Castellamonte.

La nuova piazza San Carlo fu quindi inaugurata nel 1638, e madama Cristina (poi seppellita nella chiesa gemella) ordinò la costruzione dei portici monumentali, decorati da trofei militari da Carlo Emanuele III.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *