L'Is fa strage di bambini gettandoli vivi nelle impastratrici

L’Is fa strage di bambini gettandoli vivi nelle impastratrici

is-Redazione– “Hanno ucciso i bambini cristiani gettandoli nelle impastatrici del pane”, l’orrore dell’Is sembra non conoscere nessun limite.

L’ultima denuncia arriva da una madre siriana che è riuscita a fuggire all’incubo delle bandiere nere e che adesso parla e ricorda le settimane di terrore, di morte che gridano vendetta.

Il racconto di Alice Assaf, madre siriana e cristiana che ha visto il figlio morire sotto i colpi dei fanatici del Califfato, è agghiacciante.

L’intervista, ripresa dal Christian Post e poi rilanciata da numerosi media americani e inglesi tra cui il Sun, svela una volta ancora l’assoluta mancanza di pietà umana da parte dei sedicenti soldati del califfo.

La donna, che è riuscita a scappare, ha raccontato all’organizzazione umanitaria americana Road of Success Sun cosa abbia subito, lei e tutta la sua comunità, dal momento che i jihadisti hanno preso il controllo della sua città.

“Abbiamo saputo che i miliziani avevano fatto irruzione in un panificio industriale e avevano sequestrato sei uomini. Non durarono molto – ha raccontato la Assaf -, perché li gettarono vivi nel forno. Poi si misero a cercare bambini in città. Presero di mira le famiglie cristiane. Riuscirono a rastrellarne 250. Alcuni furono ammazzati direttamente davanti agli occhi dei genitori, decapitati. La maggior parte fu gettata, e molti di essi erano ancora vivi, in una grande impastatrice dello stabilimento che avevano sequestrato”.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *