Liberty, Marilyn, i Beatles e altro ancora

Liberty, Marilyn, i Beatles e altro ancora

Le mostre estive della Fondazione Torino Musei

mostramarilyn-Elena RomanelloSotto la Mole ci sono alcune mostre per il periodo estivo, nei Musei della Fondazione Torino Musei, che esplorano vari aspetti della cultura e dell’arte, in maniera non banale e scontata.

La GAM propone, fino al 6 novembre, un viaggio tra arti decorative dal liberty alla contemporaneità con ORGANISMI. Dall’Art Nouveau di Émile Gallé alla Bioarchitettura. Si tratta della prima mostra organizzata dalla nuova direttrice Carolyn Christov-Bakargiev, con in esposizione vasi e mobili di Gallé, disegni dell’architetto liberty Raimondo d’Aronco, fino ad arrivare alle soluzioni di artisti come Pierre Huyghe e Patrick Blanc, che giocano con piante e fiori reali nelle loro opere.

Per festeggiare i novant’anni mai raggiunti da Marilyn Monroe, Palazzo Madama propone, nella Corte medievale fino al 19 settembre, Marilyn Monroe la donna oltre il mito, con fotografie anche poco note, come quelle dell’ultimo servizio di Bernt Stern per Vogue di poco prima della sua morte nel 1962, e una collezione di centocinquanta oggetti tra abiti, scarpe, cosmetici, accessori, copioni, lettere, provenienti dalla casa dell’attrice al 5th Helena Drive di Brentwood, California e lasciati da lei al suo maestro e mentore Lee Strasberg. Un’occasione unica per rivivere o capire il perché di un mito, ancora oggi presente ovunque come icona pop.

Altri miti al MAO con Nothing is real fino al 2 ottobre, una mostra che racconta del viaggio che fecero i Beatles in India nel 1967, da cui nacque un grande interesse verso l’Oriente da parte di artisti e persone di cultura occidentali. In mostra ci sono memorabilia del complesso relativi al  viaggio e all’influenza che ha avuto sulla loro musica, le foto in India dell’allora fidanzata di George Harrison Pattie Boyd, guide turistiche d’epoca, riviste anni Sessanta internazionali con reportage, fanzine, dischi che reinventano l’Oriente in maniera sensuale e psichedelica. La mostra è accompagnata da vari eventi nel corso dei mesi, tra conferenze e proiezioni.

Al Borgo medievale invece si può vedere, fino al 18 settembre, Un Borgo bestiale, percorso di animali reali e fantastici basato sulla visione che se ne aveva nel Medio Evo, tra leggende e bestiari. In mostra ci sono oggetti, antichi codici e libri, ma la mostra vive anche in un percorso nelle case e nella Rocca, non dimenticando gli animali reali di oggi.

 

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *