Lavoro e donne. La scollatura conta più delle competenze sul cv

Redazione– Nonostante da anni si parli di condizione femminile nel lavoro e di pari opportunità, le discriminazioni sessiste sono ancora tante e, ora, uno studio condotto dal professore della Sorbona  Sevag Kertechian rivela l’ultima, triste, realtà.

La ricerca da lui condotta, infatti, ha svelato come l’aspetto fisico e, in particolare l’abbigliamento provocante, concorra nel far assumere una donna al lavoro. Per dimostrarlo, il ricercatore si è avvalso di due ragazze simili e con curriculum vitae somiglianti. In uno dei due, però, era stata inserita la foto della candidata con una scollatura profonda.

Risultato? Tristemente prevedibile. A differenza della seconda, che aveva inserito una foto in abiti meno rivelatori, la prima è stata contattata molte più volte per colloqui.

“A prescindere dal lavoro, la candidata con il vestito più scollato ha più possibilità – ha affermato il dottor Kertechian – i nostri risultati insomma mostrano come gli abiti possano influenzare in modo significativo la scelta dei reclutatori”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *