Dallas. Uccisi cinque poliziotti da un cecchino

Dallas. Uccisi cinque poliziotti da un cecchino

dallas-Redazione- Quattro poliziotti sono stati colpiti a morte da spari di cecchini durante una manifestazione di protesta a Dallas contro le uccisioni di afroamericani da parte delle forze dell’ordine.

Un quinto poliziotto è morto poche ore più tardi a causa delle ferite riportate.

Un uomo è stato arrestato e un altro si è consegnato agli agenti.

“Apparentemente due cecchini hanno sparato contro dieci poliziotti da una posizione elevata durante la manifestazione di protesta“, ha affermato il capo della polizia di Dallas, David Brown, citato dall’emittente Nbc 5. I colpi sono stati sparati verso le 21, ora locale. Un undicesimo agente è stato ferito in un’altra sparatoria. Quattro dei poliziotti sono morti, mentre anche un civile sarebbe rimasto ferito.

Secondo la la tv americana Kdfw, si sarebbe suicidato il sospetto circondato dalla polizia di Dallas barricato in un garage con la minaccia di far esplodere bombe in città.

“Ci sono bombe, nel garage e nel centro della città”, avrebbe affermato poco prima agli agenti. L‘Fbi e reparti di genieri stanno cercando gli ordigni ed è stato rinvenuto un pacco sospetto. “La fine sta arrivando”, aveva detto l’uomo, spiegando di aver piazzato bombe “dappertutto”.

Nella sparatoria è rimasta ferita anche una civile. Secondo diverse emittenti americane, si tratta della 37enne afroamericana Shetamia Taylor, raggiunta ad una gamba. La sorella ha raccontato alla Nbc, che la donna si è buttata a terra facendo scudo col suo corpo al figlio quindicenne, mentre gli altri tre figli sono corsi via perdendosi nella folla.

Le autorità americane per l’aviazione hanno chiuso lo spazio aereo su Dallas. Una nota della Federal Aviation Authority precisa che sono autorizzati soltanto voli di soccorso sotto la direzione della polizia di Dallas.

Gli spari durante il raduno di protesta hanno provocato il panico ed un fuggi fuggi generale fra la folla che stava partecipando alla protesta vicino al John Kennedy memorial.

I manifestanti di Dallas protestavano per i due ultimi episodi di afroamericani uccisi dalla polizia, ultime morti di una lunga catena di episodi simili.

La divisione dell’Fbi di Dallas sta fornendo “tutta l’assistenza possibile” alla polizia della città texana, colpita da un attacco condotto da cecchini che ha lasciato sul campo cinque agenti.

Lo ha detto la portavoce del Bureau, Allison Mahan. Intanto, citato dalla Cnn, un agente speciale dell’Fbi in pensione, Steve Moore, ha sostenuto che l’attacco potrebbe essere stato preparato da tempo. “E’ un attacco pianificato da molto tempo, in attesa dell’occasione per compierlo – ha detto -. Potrebbero non aver pianificato il luogo ed il punto da cui condurlo, ma la mia idea è che fossero preparati”.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *