Avvocati nuovi poveri: in ottomila abbandonano la toga

Avvocati nuovi poveri: in ottomila abbandonano la toga

“C’è crisi, c’è grossa crisi” diceva Corrado Guzzanti nei panni del profeta Quelo nel Pippo Chennedy Show.

Una crisi che colpisce chiunque e che, negli ultimi anni, ha intaccato la categoria degli avvocati aumentando il numero di coloro che abbandonano l’attività e meritandosi l’appellativo di “nuovi poveri”.

Sono almeno ottomila quelli che dal 2015 hanno dismesso la toga, non rinnovando l’iscrizione alla Cassa Forense, spiega il presidente dell’ente Nunzio Luciano. E se a qualcuno il numero può sembrare esiguo, contro i 240mila professionisti del foro esistenti in Italia, gli altri non stanno certo meglio. Certo negli 8mila in fuga “sono comprese molte persone che hanno sempre avuto un altro impiego principale – ma – resta il fatto che la cifra è elevatissima” e il futuro non è certo roseo, perché sono “oltre 80mila gli avvocati che hanno un reddito da fame” continua Luciano.

Tra i più colpiti ci sono i giovani professionisti e le donne, con redditi dimezzati rispetto ai colleghi uomini, ma a soffrire iniziano anche le fasce intermedie, soprattutto se non specializzate.

Di chi è la colpa?

La crisi certo gioca la sua parte, “i contenziosi hanno costi altissimi – spiega ancora il presidente e trascinare qualcuno in tribunale è ormai un lusso.

Ma i fattori sono anche altri: “l’avvocato d’ufficio – ad esempio – viene pagato pochissimo”, per non parlare degli anni che servono per essere pagati. Tuttavia, a detta di Luciano, un altro problema è rappresentato dalle “grandi assicurazioni che non retribuiscono il legale in base a parametri di minimo perché non esistono più. La retribuzione è ridotta all’osso a scapito della qualità”.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *